Sensori perimetrali e di movimento da esterno

I sensori perimetrali e i sensori di movimento, sia da interno che da esterno, sono entrambi previsti nell’impianto d’allarme. Questi due tipi di sensori ricoprono un ruolo fondamentale per la completezza e l’efficienza di un buon sistema d’allarme.

Il meccanismo che permette ad un sensore di essere adatto per zone interne o esterne si basa sulla rilevazione del calore dei corpi umani per i sensori più semplici, oppure sulla rilevazione in contemporanea sia del movimento che del calore (in questo caso si parla di sensori si più costosi ma anche più efficaci in ambienti caratterizzati da condizioni particolareggiate).

Per quanto riguarda le diverse tecnologie utilizzate, e quindi la differenza di prezzi, si può passare dai 30 euro (sensori classici) ai 100 euro in su (sensori da esterno con differenziazione tra persone e animali e rilevazioni per animali fino ai 30 chili).

Ciò che può incidere sul prezzo riguarda anche la larghezza del cono di rilevazione (da 90 agli oltre 140 gradi). Un’altra proprietà notevole è la gittata di rilevazione, che permette ad un singolo sensore di indicare un eventuale rischio passando da pochi metri fino a 35 metri di copertura.

Dopo aver deciso il tipo di sensori di movimento che meglio si addicono alle nostre necessità, basterà poi stabilire il loro posizionamento. Per quanto concerne l’ambiente interno sarà consigliabile coprire le aree di passaggio obbligato (stanze, corridoi): in questo caso, per raggiungere una copertura completa, basteranno meno sensori rispetto all’ambiente esterno, dove è consigliabile mettere sotto copertura i vari lati del perimetro (si pensi ad un giardino) servendosi di più sensori.


Rispondi al quesito

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono segnati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>