sensori antifurto per animali domestici

Spesso molte persone, a causa dei propri animali domestici, hanno timore o rinunciano all’installazione di un sistema di allarme, in quanto sono convinti che non sia possibile proteggere la casa adeguatamente con animali in continuo movimento.
In realtà, però, non è così: esistono dei sensori conosciuti come sensori a tripla tecnologia, i quali hanno implementato nel loro circuito un sistema in grado di capire se ciò che si muove all’interno dell’abitazione (o nella loro area d’azione) è una persona oppure un animale di piccola taglia. Questo perché sono creati appositamente per poter ignorare i movimenti di un animale al di sotto dei 25 Kg, in modo tale che questi possano muoversi liberamente senza che l’allarme scatti.
Tali sensori si possono trovare sia dotati di cavi e sia wireless, così come possono essere sia per ambienti interni e sia per esterno.

Come installare un sensore antifurto pet immune

Occorre innanzitutto precisare come tali sensori vadano installati il più lontano possibile da fonti di calore, in quanto la corrente d’aria che va a generarsi e che viene spinta verso l’alto può andare a recargli qualche tipo di fastidio. Inoltre, solitamente è consigliato che questi vengano posti ad un’altezza di circa 2 metri, indipendentemente dal fatto che vengano posti su una parete o su un angolo.
Per poterlo installare occorre come prima cosa fissare la centrale al muro e i sensori che si occupano di rilevare il movimento e l’apertura di porte e finestre. Successivamente occorrerà fissare la sirena per l’allarme, che dovrà essere posta in un luogo ben visibile.
Infine, recandosi presso il comando di polizia più vicino, si potrà compilare il proprio modulo di allaccio, con il quale si farà in modo che, in caso avvenga un’instrusione nella propria abitazione, la polizia possa immediatamente recarsi sul posto per controllare.
Per far si che i sistemi funzionino correttamente è sempre giusto controllare che ingressi come porte o finestre non siano lasciati aperti senza una valida motivazione: si dovrà sempre controllare che ogni ingresso sia chiuso correttamente, verificando anche sul display del proprio impianto il suo buon funzionamento.
Nel caso si sia già state vittime di un furto, è molto importante proteggere con un’attenzione più alta il punto da cui i ladri hanno avuto accesso, per evitare di incorrere nuovamente in introduzioni indesiderate.
La password che serve per poter disattivare l’allarme, inoltre, deve essere custodita diligentemente e, nel caso in cui la si dovesse smarrire, dovrà essere cambiata il prima possibile.
Infine, uno dei consigli migliori da poter seguire è quello di non affidarsi mai ad un impianto di sorveglianza ed antifurto troppo economico, in quanto si potrebbe rischiare di andare incontro a innumerevoli falsi allarmi che rovineranno le proprie giornate, intaccandone la serenità e la tranquillità.


Rispondi al quesito

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono segnati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>