Tecnologie diverse per sistemi d’allarme più sicuri

Buonasera,

ti seguo sempre e credo che tu sia la persona più azzeccata per togliermi un dubbio… Ho letto che i ladri veri, quelli che lo fanno per “professione” sanno eludere i sensori a infrarosso passivo semplicemente indossando un  indumento isolante o comunque qualcosa che abbassa la temperatura del loro corpo. Grazie a questo espediente, il sensore non rileverebbe il cambiamento di temperatura e quindi non farebbe scattare l’allarme. Che tu sappia, è vera questa cosa? Se sì, come ci si tutela?

Grazie

Paolo

Ciao Paolo,

parto dal presupposto che se il ladro è un “professionista” potrebbe eludere qualsiasi sistema d’allarme; non è un caso infatti che le aziende “serie” aggiornano di continuo i propri sistemi, apportando migliorie continue che rendono la vita dei ladri più complicata!

Per quanto riguarda la domanda posso dirti che ogni tecnologia ha un suo punto debole, per questo si raccomanda sempre di utilizzare più tecnologie in modo da rendere il sistema meno vulnerabile. 

I sensori di cui parli sono degli ottimi prodotti e, nello specifico, non so dirti se possono davvero essere elusi come dici, ma se stai pensando a installarli in casa tua, ti consiglio di aggiungere qualche altro componente con una tecnologia diversa che funzioni nel caso quei sensori dovessero essere manomessi.

Spero di esserti stato d’aiuto, un saluto!


Una persona ha risposto al messaggio “Tecnologie diverse per sistemi d’allarme più sicuri

  1. Michele

    per scongiurare questo tipo di problema, scavando in rete mi sono progettato e installato un bellissimo impianto misto filare e wireless……….una cannonata.

Rispondi al quesito

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono segnati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>