Telecamere ip esterno

Se sei alla ricerca di una guida su come realizzare un impianto di video-sorveglianza attraverso la tecnologia senza fili ip questa è la guida che fa al caso tuo.

La tecnologia ip è l’unica tecnologia che permette di collegare un impianto di videosorveglianza ad una centralina senza il bisogno di cavi elettrici. Vediamo quindi quali sono i principali componenti che dovremo acquistare per realizzare un impianto di videosorveglianza fai da te.

Un registratore: quando vado ad acquistarlo bisogna tenere a mente che il numero dei canali massimi è uguale al numero delle telecamere massime che si possono collegare e non sarà possibile aumentarlo.
Un hard disk: sul quale poter salvare tutti i filmati registrati dalle telecamere, esistono hard disk appositi che sono affidabili e che durano nel tempo.
Telecamere: ci sono molte marche di produzione, bisogna solo capire quante acquistarne.
Cavi video: ovviamente per ogni telecamere da collegare al sistema centrale.
Connettori video e balun: sono due strumenti necessari per passare il segnale video ai cavi e quindi poterli vedere su schermo.
Monitor: Necessario per poter monitorare la situazione registrata dalle telecamere.
Gruppo di continuità: Questo è un elemento più che necessario, il sistema di rete dovrà essere in grado di registrare 24 ore su 24, per fare questo c’è bisogno che funzioni anche quando la corrente non c’è o appunto una persona che vuole entrare nella nostra struttura la disattivi in qualche modo proprio per evitare di essere ripreso. Un gruppo di continuità permetterà a seconda della potenza di funzionare anche molto tempo dopo che la corrente abbia smesso di funzionare garantendovi una sicurezza sempre.
Cartello di videosorveglianza: questo necessario per mettersi in pari con la legge, poiché prevede appunto che nel caso di videosorveglianza questa venga dichiarata, quindi per evitare denunce ed altro.

Durante l’installazione la prima cosa da ricordarsi è quella di effettuare un lavoro di qualità, evitare che i cavi si pieghino e che siano ben stesi poiché potrebbe influire sulla qualità di tutto il lavoro. Bisogna fare particolare attenzione all’ambiente che si va a video sorvegliare sopratutto di notte evitare di puntare luci contro le telecamere poiché questo farà in modo di avere un immagine video totalmente inutilizzabile. Stessa cosa durante il giorno, evitare di mettere le telecamere in punti in cui il sole possa accecarle.

Una volta montato l’impianto non bisogna fare altro che configurare il tutto andando a verificare che tutte le immagini siano di buona qualità e stabilizzate. Stare attenti ad avere una corretta aerazione delle telecamere per evitare surriscaldamento ed installare il cartello apposito.


Rispondi al quesito

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono segnati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>