Antifurto casa YouTube

Buon pomeriggio,

mi chiamo Giorgio e ti scrivo da Lanciano, attualmente sto usando un sistema di videosorveglianza con telecamere analogiche e un videoregistratore digitale Digital Video Recorder, ma vorrei potenziale il livello di sicurezza della mia abitazione senza però dover impiegare dei sistemi tradizionali! Ti spiego meglio cosa ho in mente: facendo un po’ di ricerche qua e là sui vari siti web, mi sono imbattuto nei sistemi di video analisi, in grado di analizzare le immagini generate dalle telecamere e di rilevare le eventuali intrusioni che si verificano all’interno di un determinato perimetro. Dopo aver visionato tantissimi video in merito sul canale YouTube, mi sono convinto che probabilmente fanno davvero al caso mio, purtroppo però si tratta di sistemi molto costosi, e prima di procedere all’acquisto vorrei prima capire se sto facendo la scelta giusta oppure sto commettendo un grosso errore. Mi daresti un consiglio? Ti ringrazio per l’attenzione, spero tu possa aiutarmi a non sbagliare e a buttare dei soldi. Ah dimenticavo, complimenti vivissimi per il blog!

Un saluto

Giorgio

Buon pomeriggio Giorgio,

grazie per i complimenti, fa sempre piacere il riscontro positivo dei lettori. Ad essere sincero ci sarebbe molto, troppo da dire su questo argomento, ma visto che siamo su un blog e devo essere chiaro e soprattutto sintetico, inizierò dai due aspetti più importanti, che per quanto mi riguarda sono la buona illuminazione e la stabilità dell’ambiente da monitorare.

Partiamo dal primo punto: l’illuminazione è fondamentale in quanto più è omogeneo l’ambiente da sorvegliare, maggiore è la qualità d’analisi delle immagini. Pertanto ti consiglio di controllare la regolazione sulla videocamera: si tratta di una day & night (che consente di realizzare i filmati anche nelle ore notturne, in totale assenza di luce) o di un dispositivo con compensazione automatica? Nel caso in cui non ci fosse la regolazione automatica, dovresti compensare con un’illuminazione esterna, scegliendo fra una tradizionale o un infrarosso a seconda delle tue esigenze di sicurezza. Un altro aspetto da valutare è il tipo di ottica montata dalla telecamera, te lo dico perché questo specifico parametro influisce non poco sulla sensibilità indispensabile per ciò che riguarda nitidezza delle immagini che devono essere poi esaminate. Ad ogni modo, generalmente, più il campo è aperto, minore saranno i dettagli che si avranno dell’oggetto e viceversa.

Per quanto concerne il secondo punto, ovvero il discorso sulla stabilità, quest’ultima è legata alla taratura che effettuerai sulle zone allarmate; a tal proposito ti consiglio di evitare le zone dove sono presenti eventuali interferenze ambientali (ad esempio la presenza di grosse piante, di oggetti che possono essere spostati dal vento, di ombre e così via). Ovviamente, in un primo momento, puoi sempre collegare l’allarme soltanto ad una segnalazione acustica, per poi regolare le zone in un secondo momento. Come puoi ben capire si tratta di una materia estremamente variegata e complessa, ad ogni modo spero comunque di essere stato un valido aiuto! Per altre domande o curiosità mi trovi qui, non farti problemi ad aggiornarmi e a scrivermi ancora! Un saluto


Rispondi al quesito

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono segnati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>