Antifurto villetta a schiera

Buon pomeriggio,

mi chiamo Giuliano e ti contatto perché ho deciso di acquistare ed installareun impianto di antifurto per proteggere la mia nuova villetta a schiera a tre piani. Mi sono informato ed ho pensato alla dotazione di 9 sensori da applicare su ogni apertura, inoltre vorrei che fossero forniti di tamper contro le aperture e che siano anche reattivi alle vibrazioni; vorrei anche sei sensori da esterno, una centrale d’allarme predisposta per non meno di 32 ingressi (se possibile interrogabile e programmabile tramite Smartphone), un combinatore telefonico GSM per l’avviso di chiamata in caso d’allarme ed un apparecchio anti jamming. Tutto questo deve funzionare attraverso l’uso di batterie che siano in grado di mantenere l’autonomia per un minimo di quattro giorni. In più ho bisogno di integrare l’impianto di sicurezza con delle telecamere di videosorveglianza interne e con un videoregistratore DVR (Digital Video Recorder) dotato di almeno otto ingressi. Ho già richiesto un po’ di preventivi, ma devo dire che non mi soddisfano affatto, pertanto ti chiedo un parere sul materiale e magari anche un buon consiglio su come reperirlo. Grazie mille per l’attenzione e per le dritte che vorrai darmi!

Un saluto

Giuliano

Risposta:

Buon pomeriggio Giuliano,

allora, parto dai contatti magnetici d’apertura dicendoti che per questa tipologia di dispositivi non dovresti avere grandi problemi, sono economici, semplici da reperire in commercio e oggigiorno quali tutti sono dotati di tamper per la funzione anti manomissione; la sola accortezza che dovrai avere nella fase di installazione, è quella di collegare 4 cavi, 2 del circuito d’allarme e 2 del tamper.

Per quanto riguarda l’ambiente esterno, invece, ti suggerisco di valutare la scelta dei sensori fra le barriere, le barrierine a stilo e i rilevatori con lente a tenda, si tratta di elementi ideali per l’installazione all’esterno, ma vanno scelti a seconda delle necessità installative di ciascuno. Per esempio le barriere sono preferibili nei casi in cui bisogna proteggere un’area priva di ostacoli; le barrierine a stilo sono ideali per la protezione della singola apertura ed offrono il vantaggio estetico di essere praticamente invisibili; i sensori a tenda risultano più flessibili, anche se ne servono molti per controllare un’intera facciata. Ad ogni modo, al di là delle piccole differenze, tutti assicurano la funzione di parzializzazione delle zone per la protezione quando si è in casa.

Per ciò che concerne invece la centralina con 32 zone non ci sono problemi, ma visto che hai parlato di sistema filare non capisco per quale motivo fai riferimento all’anti jamming. L’eventualità di poter interrogare la centralina tramite il tuo Smartphone, dipende soltanto dalla disponibilità delle relative app, mentre per quanto riguarda l’alimentazione secondaria per un minimo di 4 giorni, ti basterà effettuare la moltiplicazione del consumo del sistema per 96 ed applicare un gruppo d’alimentazione dimensionato in modo corretto.

Spero di aver risposto alle tue domande in maniera chiara ed esaustiva, non farti problemi a scrivermi ancora se qualche passaggio nella mia risposta non dovesse essere chiaro! Fammi sapere, e nel frattempo in bocca al lupo per tutto! Un saluto e a presto


Rispondi al quesito

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono segnati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>