Protezione notturna perimetrale

Buon pomeriggio,

mi chiamo Mariano e ti scrivo perché ho deciso di acquistare ed installare un impianto d’allarme in seguito ad un tentativo, per fortuna fallito, di intrusione notturna in casa mia. Capisci bene la mia preoccupazione per l’incolumità della mia famiglia, un episodio del genere non può e non deve passare inosservato.. Detto ciò, ti spiego qual è la mia idea per proteggere l’abitazione! possiedo una villetta che si sviluppa su due livelli, e la zona notte è situata al primo piano. A tal proposito avevo pensato di impiegare un sistema perimetrale per la protezione durante le ore notturne, devo però scartare i sensori volumetrici sia dentro che fuori per via della presenza di animali domestici che hanno libero accesso sia all’interno che in guardino. Per quanto riguarda invece la porta d’ingresso, avevo pensato ai tradizionali contatti magnetici, mentre non ho ancora individuato una soluzione valida per la protezione delle persiane; in un primo momento avevo pensato di proteggerle attraverso dei sensori magnetici, ma il tentativo di effrazione verrebbe rilevato soltanto dopo aver violato le persiane, con relativo danno economico. Ti dico anche che mia moglie ha pensato a delle barriere infrarosso o a raggi infrarossi, che consentirebbero anche di poter stare con le persiane aperte senza rinunciare alla sicurezza. Riguardo ciò, secondo il tuo parere, dove andrebbero montate? Forse nello spazio che intercorre fra la persona e la finestra? Qual è la soluzione migliore? Attendo un tuo consiglio, grazie per l’attenzione!

Un saluto

Mariano da Venezia

Buon pomeriggio Mariano,

Devo dirti che entrambe le soluzioni sono adatte, ma vorrei capire prima una cosa: hai pensato di combinarle per ottenere sia la protezione dallo scasso che quella dall’attraversamento? Sicuramente le barriere ad infrarosso o barrierine a stilo garantiscono un buon livello di sicurezza e permettono di lasciare aperte le persiane, cosa da non trascurare specialmente durante i mesi estivi.

In più, per potenziare la sicurezza, puoi montare un sensore d’apertura a contatto magnetico, o in alternativa un sensore di vibrazione, o ancora un roller nel caso di serranda avvolgibile: in quest’ultimo caso si tratta di un contatto in grado di segnalare l’eventuale sollevamento non gradito della finestra.

Per ciò che concerne la fase di installazione, hai due strade principali da poter percorrere: puoi sia collegare in serie la barriera e il contatto (questa ipotesi è da preferire se desideri puntare su immediatezza e semplicità), o eventualmente collegarli in maniera separata per poter parzializzare il sistema d’antifurto e contare su una doppia protezione nel momento in cui le persiane sono chiuse (soluzione un po’ meno semplice ma sicuramente più affidabile ai fini dell’aspetto sicurezza).

Se l’impianto di sicurezza è wireless, ovvero senza fili, tale problema neanche si pone, poiché potrai selezionare i vari sensori direttamente dalla centrale d’allarme (il discorso cambia se si ha a che fare con una centrale via cavo, ossia filare). Spero di essere stato chiaro e soprattutto utile per aiutarti a trovare la soluzione migliore, torna ad aggiornarmi e a scrivermi per avere informazioni! Un saluto


Rispondi al quesito

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono segnati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>