Sistema d’antifurto di notte con animali

Buon pomeriggio,

mi chiamo Simona e vivo alla periferia di Roma, qualche giorno fa il mio vicino di casa è stato vittima di un furto. Purtroppo non è la sola vicenda simile per cui sto seriamente pensando di installare un sistema di antifurto che protegga la casa e la mia famiglia da eventuali ladri e malintenzionati. Per questo avrei bisogno di un tuo parere prima di procedere all’acquisto, abito in un appartamento abbastanza piccolo situato al primo piano di un palazzo condominiale, e tutto intorno all’abitazione si sviluppano due terrazzi con le finestre per l’accesso all’appartamento. Sto facendo un po’ di ricerche su internet per cercare un impianto di antifurto perimetrale wireless, quindi senza cavi, poiché non ho la predisposizione. Mi servirebbe in particolar modo proteggere la casa durante le ore notturne, quando ci troviamo all’interno. Visto che ho un gatto, sto valutando di installare dei sensori volumetrici ad hoc per la presenza di animali domestici. Spero di averti raccontato il tutto in modo chiaro, tu cosa mi consigli per fare la scelta migliore? Ti ringrazio tanto per l’aiuto e per l’attenzione.

Cordiali saluti

Simona

Risposta:

Buon pomeriggio a te Simona,

allora, ti dico subito che i sensori volumetrici nei locali interni della casa rappresentano una delle soluzioni più idonee e adottate in tale settore. Nella tua situazione specifica, come hai già avuto modo di capire da ciò che riferisci, questi sensori devono avere la funzione denominata pet immunity, che li rende compatibili con la presenza degli amici a quattro zampe. I rilevatori pet sono in grado di analizzare il corpo che causa l’allarme e di distinguere l’essere umano da un innocuo animale domestico grazie ad una verifica del volume corporeo. Nella maggior parte dei casi tale compatibilità si riferisce agli animali d’affezione di piccola taglia, quindi sino ad un peso di 30 Kg (per cui va benissimo visto che hai un gatto e non penso che li superi).

Tieni a mente che nel corso della notte alcuni di questi sensori dovranno restare disattivati per consentirti di muoverti liberamente dentro casa, dovrai pertanto usare la cosiddetta “modalità notte” del tuo sistema di allarme (vedi il capitolo che riguarda la funzione di parzializzazione giorno & notte). Anche per questo motivo dovrai installare, in aggiunta ai sensori volumetrici, di un’opportuna protezione del perimetro, come per esempio dei contatti magnetici d’apertura per la protezione delle porte e delle finestre. O ancora, in alternativa, puoi utilizzare dei sensori a con lente a tenda per proteggere le finestre e i vari ingressi, in quanto questi dispositivi rilevano l’attraversamento e ti consentono di muoverti con libertà nell’appartamento di notte. I rilevatori a tenda sono l’ideale per la funzione di parzializzazione giorno & notte di cui ti parlavo prima, poiché permettono di allarmare zone diverse a seconda delle esigenze di sicurezza e dei diversi momenti della giornata, garantiscono protezione quando non sei a casa e al contempo difendono tutti i varchi d’accesso anche quando sei all’interno e stai dormendo. Un saluto e tanti auguri per il tuo nuovo impianto d’antifurto!


Rispondi al quesito

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono segnati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>