Sistema di protezione perimetrale

Salve,

mi chiamo Franco e ti seguo spesso, trovo il tuo blog sempre aggiornato e molto interessante, e questa volta sono io ad aver bisogno di un tuo parere. Non molto tempo fa ho comprato un appartamento all’interno di un condominio che attualmente stanno ancora ultimando, proprio per questo mi è stato chiesto se fossi interessato ad avere la predisposizione per l’eventuale installazione di un impianto di antifurto, ma io ho rifiutato preoccupandomi più dell’aspetto estetico che di questioni pratiche ed economiche. Adesso, riflettendoci meglio, ho cambiato idea, e dopo un attento sopralluogo mi è stato riferito che ci vorranno tempo e denaro per realizzare gli interventi murari necessari per le canaline e la messa in posa dei cavi, altrimenti un impianto filare sarà impossibile da installare. A questo punto ti chiedo, qual è la scelta giusta per non spendere troppi soldi ed al contempo avere un sistema perimetrale efficace e sicuro? Grazie per l’attenzione, spero tu possa darmi una mano!

Saluti

Franco

Buongiorno Franco,

grazie a te, sono qui proprio per rispondere alle domande dei tanti lettori! Allora, in primo luogo e a malincuore devo dirti che è un vero peccato per la storia della predisposizione, soprattutto perché a suo tempo e in fase di costruzione, avrebbero realizzato il tutto velocemente e non ti sarebbe costata nulla. Ma ora è del tutto inutile e soprattutto controproducente piangere sul latte versato, anzi bisogna rimboccarsi le maniche e trovare un’alternativa valida per proteggere al meglio la tua abitazione. Secondo il mio parere, attualmente, la soluzione migliore per te è quella di installare dei sensori a tenda wireless (senza fili) oppure delle barriere a raggi infrarossi via radio per quanto riguarda la protezione perimetrale. Questi dispositivi ti consentono di accrescere la protezione totale di tutto il sistema e di sfruttare al meglio la parzializzazione, ovvero la funzione che consente di attivare soltanto una parte dell’impianto, permettendo a chi vive in casa di muoversi liberamente all’interno senza far partire l’allarme.

I sensori a tenda sono apparecchi affidabili, sicuri e con una eccellente copertura; diversamente da altri modelli consentono anche di essere installati in punti generalmente scomodi da trattare e da raggiungere, come ad esempio il piccolo spazio che intercorre fra l’infisso e la persiana di una finestra. In più, questa tipologia di sensore rende al proprietario il grande vantaggio di poter prevenire l’effrazione da parte di estranei ai danni della casa, poiché segnalano la presenza dell’intruso quando ancora si trova all’esterno.

Detto ciò, nel caso in cui tu dovessi decidere comunque di addossarti la spesa per realizzare la predisposizione dei cavi, per i lavori di muratura e per la manodopera, al quel punto ti consiglio di aumentare il livello di protezione tramite l’installazione dei contatti magnetici di apertura da montare sulle finestre e sulle porte-finestre, e di contatti a filo per proteggere eventuali tapparelle presenti nell’appartamento. Spero di essere stato sufficientemente esauriente nel darti i miei consigli. Per qualsiasi altro dubbio o chiarimento mi trovi qui! Tanti auguri per il tuo impianto di sicurezza!


Rispondi al quesito

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono segnati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>