Telecamere di videosorveglianza: le diverse tecnologie

Tutte le telecamere di videosorveglianza presenti in commercio si distinguono a seconda della forma, della tecnologia e delle funzionalità di cui sono dotate. Prima di acquistare una o più telecamere per realizzare un kit di videosorveglianza, è prioritario definire prima quali sono le proprie reali necessità ed esigenze di sicurezza: se si deve controllare una zona, monitorare un evento o identificare singoli individui. La caratteristiche dei sistemi per la videosorveglianza cambia molto a seconda delle funzionalità che soddisfanno; pertanto ci saranno delle differenze sostanziali se ad esempio tali impianti vengono utilizzati per un tradizionale monitoraggio, per il rilevamento di persone conosciute o per l’identificazione, al contrario, di sconosciuti. Ovviamente la scelta va fatta anche valutando e scegliendo tra le diverse tecnologie che sfruttano questi dispositivi per la sicurezza, tra le quali l’analogica, AHD, TVI, l’HD-CVI e IP. Vediamo ora insieme le caratteristiche di ogni tipo di tecnologia:

L’Analogica, ad oggi, è maggiormente indicata per una soluzione più economica, in cui ad esempio non risulta necessario ottenere un dettaglio del viso, o al contrario in condizioni molto critiche riguardo la luce ma dove non è richiesta un’alta risoluzione. I vantaggi principali dell’analogico sono rappresentati dal fatto di essere un tipo tecnologia affidabile, ed una considerevole disponibilità in commercio di tecnologia di buona qualità; in più consente di assicurarsi soluzioni indiscutibilmente economiche. Lo svantaggio, però, è dato dal fatto che non si riesce ad ottenere un’elevata risoluzione.

L’AHD è un tipo di tecnologia nuova, pertanto è in continua evoluzione e definita da molti come la futura alternativa all’analogico; i vantaggi di questa tecnologia sono rappresentati dal poter ottenere livelli alti di risoluzioni (sino al Full-HD) ed un prezzo simile a quello dell’analogico. Lo svantaggio è dato dal fatto che, ad oggi, i sensori proposti non sono ancora talmente evoluti da assicurare eccellenti risultati in situazioni di luminosità complessa (ad esempio: controluce, fari, abbaglio e così via), ma essendo l’AHD un tipo di tecnologia nuova, è soltanto questione di tempo.

TVI, si tratta di una tecnologia molto avanzata, in cui agli alti livelli di risoluzioni si abbinano aziende produttrici di fama mondiale (Hikvision, TVT). Tra i vantaggi di questo tipo di tecnologia, sono da annoverare l’alto grado di prestazioni (sino al Full-HD) combinate ad una tecnologia finanziata dai più grandi brand (i prezzi però risultano molto più alti).

HD-CVI, parliamo della tecnologia che ha diffuso per prima la nozione di Full-HD sul cavo coassiale, trattata da Dahua; possiede il grande vantaggio di permettere di portare sul cavo anche l’audio, i comandi per il controllo ed una qualità attualmente non paragonabile ad AHD e TVI. Resta un prodotto con un prezzo di poco superiore ma, come si dice, la qualità si paga.

IP, quest’ultima è una tecnologia definita “cross platform”, consente di integrare soluzioni di diverse case produttrici; al contempo, però, ma ha il grande svantaggio di richiedere una specifica competenza per effettuare correttamente la fase di integrazione. I vantaggi, invece, sono dati dall’elevata risoluzione e dalla possibilità di poter operare anche con tecnologie wireless (senza fili).


2 persone hanno risposto al messaggio “Telecamere di videosorveglianza: le diverse tecnologie

Rispondi al quesito

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono segnati da *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>